I FAVOLOSI ANNI 50. Carl Perkins: l’uomo dalle scarpette blu. 
(di Franco Meini) 
Questo spazio lo dedichiamo a tutti i personaggi che hanno fatto grande questa era.


Carl Lee Perkins nacque a Tiptonville, Tennessee, il 9 aprile 1932, ma subito dopo la famiglia si trasferì a Ridgely, nella Lake County, una zona di coltivazione di cotone nella quale quella di Carl era l'unica famiglia di bianchi in un paese abitato solo da neri.
Risultati immagini per Carl Perkins  Era inevitabile così che le sue prime influenze musicali provenissero più dal blues rurale nero che dal country bianco della pur vicina Nashville, influenze che il giovane Carl iniziò ad esprimere quando un vicino, Uncle John, gli regalò una chitarra insegnandogli i primi accordi. Carl però era uno spirito libero e ben presto agli insegnamenti del maestro preferì una sorta di “esplorazione” che lo portò a maturare uno stile che doveva a B.B. King e a John Lee Hooker (vecchi bluesmen neri) più di quanto dovesse ai padri del country che allora, nello strumento, dettavano legge. «Non ho fatto che suonare della musica country con un beat nero» affermò lui.
Quando nei 1949 la famiglia Perkins si trasferì nuovamente (a Jackson, Tennessee), la musica era già il principale interesse di Carl. Il giovanotto andava in giro per locali di infimo ordine suonando la sua “country music with a black beat” accompagnato dalla Perkins Brothers Band, formata dai fratelli Jay e Clayton a cui si aggiunse qualche anno più tardi il batterista Fluke Holland. Gli inizi non portarono a Perkins e agli altri alcuna una soddisfazione, ma il gruppo rimase unito (e lo sarebbe stato per anni) in attesa che succedesse qualcosa.
Nel 1954 alla radio Carl sentì qualcuno che faceva la sua stessa musica, era uno cui si pronosticava un grande futuro. Se quel tale Elvis Presley poteva diventare famoso con quella musica, allora quella musica aveva un futuro. I Perkins Brothers quindi fecero le valigie e partirono per Memphis, alla ricerca di quella casa discografica (la Sun) e di quel produttore (Sam Phillips) che sembravano essere così in sintonia con quello che essi stavano suonando. Naturalmente il matrimonio si fece e nel gennaio del 1955 uscirono i primi due brani di Carl Perkins, Turn Round e Movie Magg. In quel periodo la Sun era l'autentico crogiolo del nascente rock’n’roll: per le sue sale si aggiravano Elvis Presley, Roy Orbison, Jerry Lee Lewis, Johnny Cash, e se Phillips avesse potuto dedicare a ognuno di essi il tempo che dedicava ad Elvis, probabilmente tutti avrebbero avuto le stesse probabilità di successo di “The Pelvis”. Invece fu solo dal 1955 (dopo la cessione del contratto di Presley alla RCA) che il produttore ebbe tempo anche per gli altri. Gli effetti si videro subito.
 Se i primi dischi di Perkins (dopo i primi due ne erano usciti un altro paio) sapevano ancora troppo di country, da quel momento si cambiò strada. Nel dicembre del 1955, sotto la guida del geniale produttore, Carl Perkins, sempre accompagnato dalla band degli inizi, incise Blue Suede Shoes. «Stavamo suonando, io e i miei fratelli, ai Jackson club» - ricorderà poi Perkins - «quando mi capitò di ascoltare la conversazione di una coppia che stava ballando davanti al palco: “Non calpestare le mie scarpe di camoscio blu!”, sbraitava il ragazzo. Era un tipo coi capelli imbrillantinati, la giacca e tutte le caratteristiche comuni alla nuova generazione del rock'n'roll. Ciò mi colpì e la notte non riuscii a dormire. Così mi alzai, andai di sotto e cominciai a scrivere, su un pezzo di carta nel quale erano avvolte delle patate, di questo ragazzo e delle sue scarpe scamosciate, tenendo presente lo schema di una vecchia canzone popolare: uno per i soldi, due per lo spettacolo, tre per essere pronti, quattro per andare (che diventeranno poi i primi versi della canzone). La mattina dopo andai in una cabina telefonica, chiamai il signor Phillips e gliela cantai per telefono. Lui mi disse solo: “quando arrivi?”» Il brano all'inizio non fu notato: le radio gli preferivano il retro, Honey Don't, ma nel giro di due mesi il pezzo era primo nelle classifiche rhythm’n’blues, in quelle country e in quelle pop. Un fatto mai accaduto prima. Risultati immagini per Carl Perkins
Con Blue Suede Shoes, Carl vendette subito oltre un milione di copie, impresa che al tempo non era ancora riuscita neppure a Presley (e alla RCA qualcuno cominciava a chiedersi se non avessero preso la persona sbagliata...). Presley non era la persona sbagliata e la sua incisione di Blue Suede Shoes, che sbaragliò in vendite quella di Perkins, lo confermò. Come confermò, dopo tutto, la grande qualità del pezzo stesso. Il 45 giri Honey Don't Chi era stato capace di scrivere un brano del genere certo avrebbe potuto firmare altri grandi hit, invece il 23 marzo 1956 Perkins, durante un trasferimento in auto da Norfolk a New York per partecipare a una puntata di “Perry Como Show”, si scontrò con un autocarro. L'incidente procurò al musicista e ai suoi fratelli diverse fratture, ma niente che non potesse essere risolto in qualche mese, eppure quell'episodio avrebbe, di fatto, stroncato la carriera del musicista. Tornato dopo una lunga convalescenza, si accorse che il momento magico di Blue Suede Shoes era passato e in pochi mesi constatò che i nuovi pezzi (Boppin' the Blues, Your True Love) non ne avrebbero rinverdito i fasti. Nel 1958 la Sun non rinnovò il contratto al musicista, sempre più pericolosamente affezionato alla bottiglia, che passò alla Columbia, ma le cose non migliorarono. Il rock'n'roll era agli sgoccioli e, guardandosi indietro, Perkins vedeva di non essere riuscito a sfruttare appieno il proprio potenziale. E ora era tardi.
Così, senza tanti rimpianti, riprese la strada per Jackson contento di avere quanto gli fosse necessario per vivere, soprattutto grazie ai proventi del suo unico grande hit che sarebbe diventato un classico immortale reinterpretato da centinaia di musicisti.

Poi, nel 1963, i Beatles decisero di incidere alcuni brani che li avevano profondamente influenzati agli inizi della loro carriera: Matchbox (che poi sarebbe stata interpretata anche da Bob Dylan), Honey Don't, Everybody's Tryin' to Be My Baby.

L'anno seguente Perkins fu chiamato in Gran Bretagna per una tournée che si rivelò trionfale e che gli diede la chiara percezione di essere diventato una leggenda, peraltro in un Paese dove non aveva mai suonato. Il 1º giugno, di passaggio a Londra, venne invitato negli studi di Abbey Road dove i Beatles, (tale era il suo ascendente che Ringo Starr lo chiamava con deferenza “Mister Perkins”), incisero in suo onore Matchbox e suonarono altre composizioni del chitarrista statunitense che facevano parte della loro scaletta live.

Ritornato in patria, formò un saldo sodalizio con Johnny Cash, ma negli anni ottanta la sua popolarità declinò, con un gruppo musicale nel quale era attorniato dai propri figli.

Dopo lunghi anni che lo avevano visto lottare contro un cancro alla gola, Perkins morì agli inizi del 1998.
Risultati immagini per Carl Perkins
Se a Carl Perkins chiedevi di Elvis lui rispondeva: il RE il RE !! e fu proprio Elvis a portare al successo una canzone scritta da Carl Perkins “Blue suede shoes”. Impazzava ovunque, era il mesi di marzo del 1956, Carl si trovava in ospedale tra la vita e la morte a causa di un incidente stradale che per poco non ci lascia la pelle, occorsogli insieme a suo fratello Jay mentre stavano recandosi a New York per partecipare ad una trasmissione televisiva di Perry Como e dopo all’Ed Sullivan Show. La vita di Carl fu una vita segnata dalle sofferenze personali che non gli permisero una carriera ricca di soddisfazioni. Soltanto alla fine degli anni 80 è stato accolto della “Rock ‘n’ Roll Hall of Fame”. Lui più che altro contribuì al successo degli altri compresi i Beatles che nel 1964 incisero la sua “Matcbox”. Figlio di coloni, Carl Perkins nacque a Ridgley il 9 aprile del 1932. A soli 20 anni sposa Valda Crider e fu lei ad incoraggiarlo verso una carriera musicale piena. Carl incise il suo primo disco nel 1953, era un singolo e la canzone “Movie Magg” era una poesia che lui aveva scritto quando aveva solo 14 anni. Di lui si ricorda l’esibizione alla Casa Bianca ed una tournee tedesca con Jhonny Cash e Jerry Lee Lewis nel 1982. Carl vinse una lotta personale contro il cancro. Solo adesso – disse – mi rendo conto della fragilità della vita. Guarito completamente di un tumore alla gola morirà d’infarto dopo poco tempo nei primi mesi del 1998.




 Sito Ufficiale HAPPY DAYS ITALIA - SITO INFORMATIVO - on line dal 1997
www.happydaysitalia.net
Web graphics and design by Stefano Baldi
Questo è semplicemente un sito informativo senza scopo di lucro e privo di ogni forma pubblicitaria. Non si intendono infrangere copyrights di nessuno.
Tali copyrights rimangono di esclusiva proprietà dei legittimi detentori.
Lo stesso dicasi per immagini, musica, testi e quant'altro collegabile direttamente alla serie TV con i suoi contenuti o a siti web ad essa dedicati.